Storytelling

Siamo esseri umani, uomini e donne. Amiamo le storie; non possiamo farne a meno.

Dal mito della caverna di Platone a La forma dell’acqua, di Guillermo del Toro; da Le mille e una notte alle strisce di Charlie Brown, passando per il DecameroneViviamo le storie che ci appassionano come esperienze vicarie. In parole povere? Non qualcosa che tocchiamo con mano, ma qualcosa dal quale siamo intimamente toccati.

Le storie che amiamo lasciano tracce dentro di noi. Cambiano, seppur di poco, chi siamo. E cambiano il nostro modo di agire nel mondo.

Di cosa stiamo parlando

Parliamo di dare un taglio narrativo a un contenuto che mi spiegherai: che siano i numeri di un bilancio o uno shampoo per cani all’olio di mandorla. Perché a volte non c’è niente di meglio che una storia per veicolare un messaggio molto concreto. Posso inventarla, la storia; oppure la storia, intesa come una sequenza di eventi più o meno noti, c’è già ma ha bisogno di un centro, di un ordine che sembri provvidenziale, di un modello al quale rifarsi, di più emozione. Ecco che lo storytelling ci viene in aiuto: con le sue tecniche, i trucchi del mestiere, la mia creatività e tutte le piccole grandi storie che, prima della tua, ci hanno appassionato e segnato.
La ricetta giusta

Ogni prodotto e ogni azienda, qualsiasi idea o professione hanno tutti gli ingredienti di una storia. Basta scovarli, metterli sotto la giusta luce (senza snaturarli!) e capire a chi parlano. E, sì, farli parlare, ovvio.

Ti stai chiedendo se lo storytelling aiuta a vendere?

Sì, ma non deve avere (solo) questo scopo. Deve prima di tutto avere una qualche utilità, per esempio aumentando le competenze di chi legge o guarda. Deve – non saprei come altro dirlo – arricchire la sua esperienza umana, parlando con voce umana di cose umane. Deve, infine, emozionare, in modo da imprimersi nella memoria.

Come fare storytelling di qualità

Non certo affermando esplicitamente (per quello c’è la pubblicità). Piuttosto, comunicando in modo indiretto, attraverso eventi, persone, situazioni, stati d’animo. Show, don’t tell! Chi legge o guarda è spesso abbastanza intelligente da trarre da solo le proprie conclusioni, il cosiddetto succo della storia.

Facendo leva sui dettagli, spesso legati a sensazioni fisiche: accendono l’immaginazione e la memoria, danno coerenza alla storia, coinvolgono il fruitore a livello emotivo. Talvolta persino a livello fisico.

Qual’è la storia che vuoi raccontare?

Posso aiutarti a capirlo. Possiamo costruirla insieme. Faremo in modo che sia vivida e che sappia imporsi. Che parli a persone concrete di cose concrete, con la tua voce.

Un articolo circostanziato e supportato da fonti o un approccio più aneddotico, leggero ma intelligente. Una storia aziendale o una biografia, una serie di post o articoli, o un pamphlet polemico per sostenere un’idea che cambierà il mondo (o almeno ci proverà). Per far sorridere, pensare, emozionare.

Ne parliamo perchè…

Potresti aver bisogno di uno script per un video di prodotto, di un “tema” per il tuo locale o per un importante meeting aziendale, un viaggio incentive, un’opuscolo divulgativo sulla prevenzione. Magari vuoi rifare il company profile della tua azienda e vuoi che la sua storia appassioni chi la leggerà quanto appassiona te che contribuisci a costruirla giorno per giorno. Insomma vuoi che il tuo messaggio, i dati di bilancio, le qualità di un prodotto o la forza di un’idea passi per una storia, così da imprimersi nella mente di chi legge o guarda.

Funziona così

Ogni prodotto e ogni azienda, qualsiasi grande idea o professione: hanno tutti gli ingredienti di una buona storia. Basta scovarli e capire a chi parlano: lo facciamo insieme, seduti attorno a un tavolo. Poi io penserò a valorizzarli (senza snaturarli) attraverso una storia che abbia le caratteristiche giuste in termini di forza, di pertinenza, di stile e di adattabilità al mezzo che abbiamo scelto per veicolarla. Personalmente penso che lo storytelling debba avere anche una qualche utilità, per esempio aumentando le competenze di chi legge o guarda; debba arricchire la sua esperienza umana, parlando con voce umana di cose umane. Debba, soprattutto, emozionare e imprimersi nella memoria. Tu valuterai il soggetto che ti propongo, capiremo insieme se è capace di esprimere tutti i contenuti che abbiamo in mente e poi svilupperò il progetto più in dettaglio.

Cosa porti via con te

A seconda del progetto posso darti un prodotto finito (se parliamo di un testo) o il nucleo di qualcosa di più grande (se è lo script di un video o un concept che troverà spazio su più canali).

A quale costo

Il costo di questo servizio dipende dal progetto che hai mente. La cosa migliore è sentirci, parlarne, costruirlo insieme anche dal punto di vista del prezzo che pagherai.

Facciamo due chiacchiere

Raccontami chi sei e cosa fai. E perché pensi che per il tuo business le parole siano importanti.

Preferisci sentire la mia voce?

Perfetto! Se non rispondo subito è perché - probabilmente - sto cercando di coniare il payoff perfetto per un cliente. Tranquillo, richiamerò!