Scritture, terreni sacri, uomini e mostri

1003912_600444346661252_128239046_n
Ettore Corsini è un agente di commercio. Veste abiti sartoriali, ha una bella moglie, due bei figli. Poi l’incidente, e l’amnesia. E una sola, ossessionante domanda: cos’è successo sette anni prima? E chi sono quella donna e quel bambino al suo fianco?
Un viaggio a ritroso dentro se stessi che si trasforma in un thriller psicologico ipnotico e straniante, avvincente e poetico.

 

Ettore Corsini vive fra Torino e gli Stati Uniti, guadagna bene, indossa abiti sartoriali, ha IMAG0278_okuna bella moglie, due figli. Forse ha persino un cane col quale uscire a fare jogging. Ma non se lo ricorda. Un incidente d’auto ha spalancato nella sua memoria una voragine che lo ha riportato a un altro incidente, che risale a sette anni prima, avvenuto sulle dolomiti italiane, nel quale suo figlio è morto sul colpo. Adesso, sette anni dopo, si risveglia in un ospedale di Seattle e può solo guardare in faccia il presente: il volto di Mayumi Kobayashi, la giovane donna, ora in coma, che era in auto con lui mentre viaggiava verso il Canada, e il silenzio enigmatico di June, il bambino dagli occhi vagamente affilati che tutti credono figlio suo e della misteriosa sconosciuta…

Ambientato in una Seattle insolitamente calda e assolata, questo straordinario romanzo d’esordio si sviluppa in un crescendo di tensione trattenuta, per poi sfociare in un’indagine che ha la suspense di un thriller. Attraverso una scrittura ricca di sfumature e illuminata da metafore vibranti, che sorprende con improvvisi cambi di ritmo, Alberto Bellini ci offre un’opera ipnotica e straniante, avvincente e poetica.

Disponibile anche in ebook | Leggi le prime pagine

 


BOOKTRAILER 

 


 

RASSEGNA STAMPA 

Dalla stampa nazionale

“Un thriller che scorre nitido e angosciante […] e denota talento e un pizzico di spregiudicatezza” da L’agente di commercio ha perso la memoria di Francesco Moscatelli (Tuttolibri – La Stampa del 3 agosto 2013)98-logo-la_stampa

20130803_181005-1

La nuova collana di narrativa HD Alta Definizione su Il Venerdì di Repubblica (26 luglio 2013)

Nuova collana di Gallucci (da Il Giornale del 18072013)

Una tra le collane più interessanti lanciate di recente (da L’Espresso del 17 ottobre 2013)

“Bellini ha sicuramente studiato il metodo Stephen King. Il contesto ordinario, i personaggi qualunque. L’atmosfera inquietante ma non morbosa, una marcata precisione nei dettagli, uno sguardo perspicace da psicologo” da Internazionale (#1021, 11 ottobre 2013)internazionale-logo


Dalla stampa locale

Bellini, nuovo maestro del thriller (Gazzetta di Modena del 24 luglio 2013)


Da riviste online e blog letterari

La nuova collana che unisce modernità e qualità (da Libreriamo.it)

“Un desiderio smisurato di tenere gli occhi attaccati alla pagina” da …a cup of books! | un libro all’ora del tè…

italyNostalgia delle vacanze? Leggete e vi passerà, parola dei francesi (HuffingtonPost.it, 28 agosto 2013)

“Una corsa al rallentatore verso la consapevolezza di sé, in un susseguirsi di domande e risposte che scandisce il tempo della rinascita, fino alla catarsi finale” da Cabaret Bisanzio – laboratorio di finzioni


In radio

RAI_radio3fahrenheitIl 13 settembre 2013 “Niente che sia al suo posto” è stato il libro del giorno di Fahrenheit, lo storico programma di Radio 3 dedicato ai libri e alle idee, in diretta dal Palazzo dei Musei di Modena in occasione del Festival Filosofia 2013. Clicca qui per ascoltare la registrazione dell’intervista dal sito di Fahrenheit (dal minuto 01:09:30 circa) oppure premi PLAY qui sotto.


Altre segnalazioni

“Il romanzo è tanto ipnotico quanto sottilmente ambiguo e sovverte – come nei migliori thriller – le certezze affettive alla base di ogni vita” da Relax in stile Melpyou (Melpyou.com)

Vuoi scrivermi un’email?
info@albertobellini.it
Preferisci chiamare?

329 3566995

Copyright

© Alberto Bellini, 2013-2018

Disclaimer

Questo è un sito personale. Non può essere scambiato per una testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet e linkate alle rispettive fonti; se il loro utilizzo dovesse in qualche modo violare il diritto d’autore, vi prego di comunicarmelo affinché possa provvedere alla loro pronta rimozione. Non è possibile lasciare commenti ai post ma potete sempre scrivermi il vostro parere sul sito e i suoi contenuti via e-mail.