Quel mondo classico che svela l’inganno nascosto nelle parole

Posted on Posted in #latinlover, Parole, Raro simul hominibus

di Ivano Dionigi, tratto da “La Repubblica” (23 gennaio 2017) Novum per i classici era sempre qualcosa di dirompente e traumatico: “nova” la terra che gli Argonauti cercavano con la loro spedizione sacrilega; “novus” l’uomo che per primo nella propria famiglia ricopriva una magistratura; “nova” la religione cristiana che in nome della fede interiore rifiutava i riti esteriori della “religio civilis”. Quale è il nostro “novum”? Non quello che campeggia su […]

Ubi fera sunt

Posted on Posted in #latinlover, Parole, Raro simul hominibus

Introducendo la sua traduzione del “Rebilius Cruso”, Francis William Newman scriveva che più l’insegnamento del latino si era fatto scientifico meno era diventato efficace, avendo parcellizzato il corpus letterario in una miriade di frasi di utilità puramente didattica. Poi, ovvio, c’era anche il problema del tenore dei testi proposti agli scolari: storiografia classica, descrizioni etnografiche di nulla utilità, favole e apologhi morali piuttosto frusti. Di qui l’idea di tradurre in latino un […]

Amore mio antico

Posted on Posted in #latinlover, Parole, Raro simul hominibus

Non è stato amore a prima vista. Piuttosto, un sentimento cresciuto col tempo, temprato dalle difficoltà, corrisposto solo in età adulta. Il mio primo incontro con il latino è avvenuto in terza media, quando l’istituto Leonardo Da Vinci decise di attivare un corso propedeutico agli studi liceali, che dopo la licenza media avrei senz’altro intrapreso per avere una concreta chance di promozione sociale. Si trattava di un paio d’ore a settimana, di pomeriggio, c’era un […]

Una cosa inutile e imprescindibile che ho ricominciato a fare

Posted on Posted in #latinlover, Parole, Raro simul hominibus

Lo scorso inverno, riordinando alcuni documenti, mi è capitato tra le mani un foglio contenente il riepilogo dei miei esami universitari. Elencati sinteticamente c’erano tutti i corsi frequentati e il relativo voto (non la data della prova, peccato). E’ stato come essere buttati in piscina a tradimento. La prima cosa che ho pensato è stata: cielo, quanto tempo sprecato! Ho messo il foglio da parte e sono passato ad altro. Tempo […]